Etna Sud. Itinerario didattico “Monte Grosso – Monte Gemmellaro”

E’ fruibile l’Itinerario Didattico Monte Grosso-Monte Gemmellaro, realizzato dal Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania, assieme al Parco dell’Etna, al Comune di Nicolosi e al Dipartimento Regionale Aziende Foreste Demaniali.
Si snoda sul versante Sud dell’Etna, tra i 1300 e i 1500 metri di quota circa, partendo dall’ingresso pedonale di Monte Concilio.

Prof. Rosolino Cirrincione, presidente del Corso di Laurea in Scienze Geologiche dell’Università di Catania (presso il dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali), responsabile della sezione di Scienze della Terra

Il prof. Rosolino Cirrincione (presidente del Corso di Laurea in Scienze Geologiche, responsabile della sezione Scienze della Terra), è il coordinatore di questo progetto, “che è stato realizzato – dice – nell’ambito del progetto PLS Geologia (Piano Lauree Scientifiche), finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca. Hanno partecipato, oltre al sottoscritto, Rosalda Punturo, Carmelo Ferlito, Roberto Visalli, Gaetano Ortolano e Salvo Caffo. Il progetto prevede la realizzazione di un laboratorio all’aperto, fruibile per le scuole di ogni ordine e grado ed anche per i turisti. Lo scopo è quello di avvicinare i giovani al mondo della geologia“.

L’Itinerario Didattico Monte Grosso-Monte Gemmellaro si articola in 4 Stop con relative tabellature esplicative: il primo a 150 m dall’ingresso, spiega “Argini e sovrapposizione di colate”; il secondo a 850 m, illustra la “Lava Blob”; il terzo a un chilometro e mezzo, fa capire cosa sono gli “Xenoliti sedimentari”; il quarto e ultimo conclude il percorso, dietro l’apparato eruttivo di Monte Gemmellaro, con gli “Hornitos”.

Il percorso è facile, su pista forestale, esposto prevalentemente a sud. Si può compiere in un paio d’ore andata e ritorno, e si può contare su un’area attrezzata con panche e tavoli a Monte Grosso e a Monte Gemmellaro. A Monte Gemmellaro, in più, c’è un piccolo rifugio aperto all’escursionista e ben tenuto. Ben arrivato, dunque, a questo Itinerario Didattico di media montagna! Sull’Etna, ce ne vorrebbero diversi altri come questo, per far conoscere dal vivo l’evoluzione di questo territorio e permettere così di amarlo.

Sergio Mangiameli
Sergio Mangiameli è del ’64, geologo, giornalista pubblicista, interprete naturalistico, vive sull’Etna. Ha pubblicato i racconti “Dall’ulivo alla luna” (Prova d’Autore, 1996) e “Rua di Mezzo sessantasei” (Il Filo, 2008), i romanzi “Aspettando la prima neve” (Rune, 2009), “Dietro a una piuma bianca” (Puntoacapo, 2010), “Sul bordo” (Puntoacapo, 2013), “Come la terra” (Villaggio Maori, 2015, che ha partecipato a MontagnaLibri 2016 del Trento Film Festival), “Quasi inverno” (A&B Editrice, 2018), "La nevicata perfetta" (A&B Editrice, 2020). Ha scritto i testi di “MicroNaturArt – voci dal microcosmo” (Arianna, 2014), esperimento letterario di fotografia scientifica; i racconti di “Ventiquattr’ore – fotografie di finestre e parole intorno” (Puntoacapo, 2016), i cui scatti sono di Lino Cirrincione; e, assieme al vulcanologo Salvo Caffo, “Etna patrimonio dell’umanità, manuale raccontato di vulcanologia e itinerari” (Giuseppe Maimone Editore, 2016), con le illustrazioni di Riccardo La Spina. Ha scritto i testi dei film corti “La corsa mia” e “Idda”, e i monologhi “Questa storia” e “Il gioco infinito”, visibili entrambi su YouTube. Sul portale web Etnalife, scrive racconti etnei per la rubrica letteraria “Storie dell’altro mondo”. “La piuma bianca” è il suo blog sul magazine online SicilyMag. L’esperimento nuovo è “Le colate raccontate” – vulcanologia storica dell’Etna e narrativa surreale insieme, tra esattezza scientifica e finzione letteraria in racconti –, portato in scena col vulcanologo Stefano Branca.
Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: Etna Sud. Itinerario didattico "Monte Grosso - Monte Gemmellaro"! Questo è il link: https://www.etnalife.it/etna-sud-itinerario-didattico-monte-grosso-monte-gemmellaro/