Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Zafferana Etnea: contributi sfollati, rese note le direttive

Emergenza post sisma: a Zafferana si lavora alacremente per fronteggiare la situazione e alleviare più possibile i disagi alla popolazione che deve fronteggiare le problematiche scaturite dall’aver dovuto abbandonare la propria casa dopo il terremoto del 26 dicembre scorso. Incessante il lavoro del C.O.C. presieduto direttamente dal sindaco, Alfio Vincenzo Russo. Sono state rese note le direttive riguardanti i contributi di autonoma sistemazione che saranno attuate non appena il Commissario delegato, Calogero Foti (Capo delle Protezione Civile Regionale) darà l’ok. Il provvedimento scatterà immediatamente per chi non ha trovato riparo nelle strutture alberghiere in questi giorni mentre sarà valido per gli altri sfollati nel momento in cui lasceranno l’albergo in cui sono stati provvisoriamente alloggiati.  Ai nuclei familiari la cui abitazione principale, abituale e continuativa, è stata distrutta in tutto o in parte, ovvero sia stata sgomberata in esecuzione di provvedimenti delle Autorità competenti post terremoto, verrà assegnato un contributo mensile per l’autonoma sistemazione così stabilito: € 400,oo per i nuclei monofamiliari; € 500,oo per i nuclei familiari composti da due unità; € 700,oo per tre unità; € 800,oo per quattro unità; € 900,oo per cinque o più unità. Qualora nel nucleo familiare siano presenti persone di età superiore a 65 anni, portatrici di handicap o disabili con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%, sarà concesso un contributo aggiuntivo di € 200,oo mensili per ognuno dei soggetti menzionati, anche oltre il limite massimo di € 900,oo mensili previsti per il nucleo familiare. I benefici economici appena descritti sono concessi a decorrere dalla data indicata nel provvedimento di sgombero dell’immobile e sino a quando non si siano realizzate le condizioni per il rientro nell’abitazione ovvero si sia provveduto ad altra sistemazione stabile e, comunque, non oltre la data di scadenza dello stato di emergenza.

Inoltre, nell’ambito degli interventi di prima assistenza alle popolazioni terremotate dell’Etna, al fine di favorire l’immediato utilizzo del patrimonio edilizio privato danneggiato non gravemente, il Commissario è autorizzato ad assegnare un contributo massimo di € 25.000 (venticinquemila), per unità immobiliare, per la realizzazione degli interventi necessari a ripristinare in tempi rapidi le condizioni di agibilità degli immobili. Quest’ultimo provvedimento potrà essere adottato in alternativa al contributo riconosciuto per l’autonoma sistemazione ovvero ad altre forme di assistenza alloggiativa che –in questo caso- potrà essere erogata per il tempo necessario alla realizzazione degli interventi e, comunque, non oltre 120 giorno dalla presentazione della documentazione.

Intanto proseguono, senza soluzione di continuità, i sopralluoghi dei tecnici per la verifica dell’agibilità e staticità degli immobili, pubblici e privati, nelle zone maggiormente colpite dalle recenti scosse telluriche. Lo stesso Prefetto di Catania, Claudio Sammartino, nel corso del suo sopralluogo effettuato ieri, insieme con il Questore Alberto Francini ed il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Raffaele Covetti nelle zone terremotate e della successiva visita al C.O.C. ha verificato col primo cittadino, Alfio Vincenzo Russo, lo stato dell’arte e le modalità di gestione dell’emergenza sisma. Intanto, l’Amministrazione Comunale ha provveduto a far collocare tre container a Fleri, Poggiofelice e Pisano per la raccolta indifferenziata di materiale inutilizzabile a seguito del terremoto (suppellettili, vetri rotti, oggettistica varia andata in frantumi).

Condividi con un amico

Questo articolo potrebbe interessarti: Zafferana Etnea: contributi sfollati, rese note le direttive! Questo è il link: https://www.etnalife.it/zafferana-etnea-contributi-sfollati-rese-note-le-direttive/