I duecento anni di Giarre

Venerdì 15 maggio l’anniversario del bicentenario dell’istituzione del comune di Giarre, ricordando quando Ferdinando I firmò il decreto che sancì l’autonomia amministrativa dalla Contea di Mascali

bicentenario_giarreEra il 15 maggio del 1815 quando, Re Ferdinando I delle Due Sicilie, firmò il decreto che sancì l’autonomia amministrativa dell’allora “borgo” di Giarre dalla ex Contea di Mascali. Un atto che avrebbe dato il respiro vitale ad una delle più importanti realtà della Provincia di Catania.
Per celebrare la ricorrenza, l’Amministrazione comunale ha indetto una seduta straordinaria e solenne del Consiglio Comunale aperta alla cittadinanza, che si terrà nell’atrio esterno del Municipio, venerdì 15 maggio. Parteciperanno all’assemblea le massime autorità civili, religiose e militari del territorio; prevista la rievocazione di duecento anni di storia cittadina a cura del prof. emerito Nicolò Mineo e della storica prof.ssa Anna Castiglione Garozzo.

Gli interventi del sindaco, Roberto Bonaccorsi, e dei componenti del Consiglio, saranno affiancati da quelli dei sindaci di Riposto, Sant’Alfio, Milo, Santa Venerina – centri che assieme a Giarre, nel 1815, si resero autonomi e che nel corso del tempo si sono anch’essi costituiti in municipalità indipendenti – e di Luca Ferazzoli, sindaco di Cismon del Grappa (VI), città gemellata con Giarre.
L’Assemblea regionale siciliana sarà rappresentata dall’on. Anthony Barbagallo, delegato ufficialmente dall’organo. Alla seduta prenderà parte, inoltre, il Nobile dottor Antonio Di Janni, delegato per la Sicilia del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio, in rappresentanza di S.a.r. la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie.
Al termine della seduta, verrà scoperta una lapide commemorativa del Bicentenario, collocata dinanzi l’analoga lastra marmorea del 1965, installata in Municipio nella circostanza del 150° anniversario della fondazione del Comune.

Nel corso della giornata, le celebrazioni del Bicentenario si intrecceranno con i festeggiamenti religiosi in onore di S. Isidoro Agricola, patrono di Giarre. Alle ore 19, nell’atrio esterno del Municipio, si svolgerà il tradizionale solenne pontificale, presieduto dal Vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti. A seguire, il simulacro di S. Isidoro sarà portato in processione dal Palazzo di Città al Duomo di Giarre, lungo via Callipoli.
Poste italiane festeggerà il Bicentenario della città di Giarre con uno speciale annullo filatelico che verrà attivato in piazza Arcoleo a partire dalle ore 15, con le cartoline dell’Archivio storico Panebianco raffiguranti la Giarre del passato.

La mostra “Giarre: ieri e oggi”, curata dall’ass. “Fotoperpassione”, verrà inaugurata alle ore 9 in via Minghetti. Nel pomeriggio verrà aperta al pubblico la mostra degli elaborati presentati in occasione del concorso, conclusosi alla fine del 2014, per la realizzazione del logo del Bicentenario. L’esposizione verrà ospitata dalla Biblioteca comunale “Domenico Cucinotta” di piazza Jolanda.

(13 maggio 2015)

error:
Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: I duecento anni di Giarre! Questo è il link: https://www.etnalife.it/i-duecento-anni-di-giarre/