L’Etna si tinge di “noir”

la variabile costante“La variabile costante” (editore Frilli), terzo giallo di Vincenzo Maimone. Le vicende personali e professionali di Tancredi Serravalle incrociano l’ironia irriverente del commissario Giacomo Costante (tratto da AGI.it)

L’Etna si tinge di giallo. Anzi, di noir, che si confonde con il colore della lava raffreddata.

L’efferato delitto di una giovane donna scuote la tranquilla routine settembrina della cittadina barocca di Acireale, adagiata ai piedi del vulcano.

La pista privilegiata e’ quella del delitto passionale, della lite domestica, una come tante, degenerata in assassinio. Ma forse le cose non stanno proprio in questi termini.

E la matassa prova a districarla Vincenzo Maimone, autore siciliano, al suo terzo noir: “La variabile costante” (editore Frilli), in cui le vicende personali e professionali di Tancredi Serravalle, docente di Storia e Filosofia, incrociano l’ironia irriverente del commissario Giacomo Costante in un andirivieni tra la nebbia milanese e il sole di Sicilia.

(28 ottobre 2014)

[button size=”small” link=”http://www.agi.it/spettacolo/notizie/libri_l_etna_si_tinge_di_noir_maimone_e_la_variabile_costante-201410251834-spe-rt10078″ target=”_blank”]Vai al link[/button]

 

error:
Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: L’Etna si tinge di “noir”! Questo è il link: https://www.etnalife.it/letna-si-tinge-noir/