Alkantara Fest, il villaggio della musica folk

Il 29 luglio a Pisano, frazione di Zafferana Etnea, tra workshop di musica e danza, performance circensi, concerti e jam session sarà lunga la quarta giornata del festival internazionale di folk e world music organizzato dall’Associazione Darshan, con la direzione artistica di Mario Gulisano. Dopo i workshop della mattina, sul palco pomeridiano della Cisternazza i buskers Circo Ramingo, sui palchi serali al Pigno il palermitano Enzo Rao, tra gli inventori della world music italiana, il mazarese Cico Messina e la jam session finale Tarantella Night

L’Alkantara Fest, il festival internazionale di folk e world music giunto alla XVIII edizione, organizzato dall’associazione Darshan con la direzione artistica di Mario Gulisano, è una comunità che ama sia la musica, sia la natura che il rapporto con gli altri. «Non ci rivolgiamo a fruitori di singoli eventi musicali – commenta Gulisano – ma a persone che vogliono vivere un’esperienza totale. Da qui nasce il claim “Alkantara Fest takes care of you”, perché vivere il festival significa far parte di una collettività, vivere una esperienza immersiva. E la musica è la colonna sonora di un’esperienza che dura l’intera giornata».

E, infatti, sarà lunga la giornata di musica di venerdì 29 luglio tra l’azienda agricola Il Pigno e la Cisternazza a Pisano, frazione di Zafferana Etnea, quarta giornata di Alkantara Fest 2022. Questo il programma del giorno. Si comincia la mattina, alle 9, con yoga e risveglio muscolare, all’Avocado Stage, con Emanuela Ladu e il percussionista Riccardo Gerbino; alle 10, all’Avocado Stage, segue il workshop di musica forró “Entrare nel suono con Lise Dauvois”, a cura del collettivo europeo Forró Tzigano; alle ore 13, al Kaki stage, sessione aperta di Open mic; dalle ore 15 alle ore 16.30, all’Avocado Stage, workshop “Danzare assieme con Lise Dauvois” a cura del collettivo europeo Forró Tzigano che sarà seguito dalle 16.30 alle 18.30 dalla pratica libera con la musica dal vivo.
Dopo la sezione workshop, la sezione spettacoli dal vivo comincia alle 18.30 alla Cisternazza con i buskers Circo Ramingo. Alle 21, sullo World Stage de Il Pigno, il primo concerto della serata, quello di Enzo Rao-Shamal, seguito alle 22, sull Nufolk Stage, dal live di Cico Messina. Alle 24, al Kaki Stage, l’ultimo evento della giornata, la folk jam session Tarantella Night con i musicisti Marco Carnemolla, Maurizio Cuzzocrea, Giampiero Cannata e lo stesso direttore artistico Mario Gulisano.

La compagnia Circo Ramingo propone spettacoli di circo contemporaneo e teatro di strada ed è formata da due artisti siciliani, Marco Previtera e Annalusi Rapicavoli, i quali hanno intrapreso un percorso artistico condiviso di teatro di strada svolto con professionalità e qualità artistica. Insieme sulla scena ormai dal 2013, aerealista lei, giocoliere/acrobata lui, lavorano sulla fusione delle loro tecniche circensi e teatrali, comunicando un linguaggio comune in spettacoli e performance adatti a tutte le età.

Il musicista palermitano Enzo Rao con il progetto Shamal alla fine degli anni 80 è stato fra i primi a suonare world music in Italia. Scriveva 30 anni fa Patrizio Visco su “World Music”: “Pervaso da molteplici influssi arabo-islamico ed africano, spagnolo e francese, mediorientale e balcanico, Rao ha lavorato per svariati anni all’interiorizzazione del corredo sonoro tipico delle altre culture. Oasi e nomadi, citaredi e cantori, musici e griot, sciamani e stregoni, melos e terapia, ethnos e fusion vengono alla mente dell’ascoltatore, incantato dalla varietà timbrica, melodica e d’ambiance ricreata dai sottili intrecci acustici e dalle manipolazioni elettroniche di Enzo Rao-Shamal”.

Cresciuto musicalmente tra Toscana e Sicilia, Cico Messina, cantante poliglotta di Mazara del Vallo, scrive in portoghese, spagnolo, italiano e siciliano. La sua musica è permeata di sfumature jazz ed evocazioni mediterranee, i suoi testi raccontano del contrasto di un’umanità iper-urbanizzata e un auspicabile ritorno alla sostenibilità dell’essere e alle cose essenziali. Dopo alcune esperienze in Italia e in Europa ha deciso di tornare in Sicilia per produrre il suo primo disco solista, anticipato da quattro singoli – “Nura”, Sikelia”, “Fada” e “Albarìa” -, usciti tra il 2021 e il 2022.


Informazioni e prenotazioni https://www.alkantarafest.it/

Infoline/WhatsApp + 39 345.5206150

I luoghi:

  • Azienda agricola Il Pigno, via Pennisi Petrone 8 – Pisano (Zafferana Etnea);
  • Zō Centro culture Contemporanee, piazzale Rocco Chinnici 6 – Catania;
  • Corte di Palazzo Platamone, via Vittorio Emanuele II 121 – Catania;
  • Gammazita, piazza Federico di Svevia, 92 – Catania;
  • La Terra di Bò – Villa Di Bella, via Giuseppe Garibaldi, 298 – Viagrande;
  • Anfiteatro Parco Princessa, via Princessa – Santa Venerina

Biglietti

Spettacoli al Centro Zō: € 8, € 5 ridotto ragazzi 12-17 anni
Ingresso singola serata a “Il Pigno”: € 15 intero, € 10 ridotto ragazzi 12-17 anni, bambini fino a 11 anni gratis. Abbonamento 4 serate: € 50 intero, € 35 ridotto.

Sono previsti pass per chi sceglie la formula “tutto compreso” che comprende camping, tutti i concerti, tutti gli spettacoli e tutti gli stage delle giornate scelte:

  • 4 Day Pass 28-29-30-31 luglio € 110 adulti € 70 ragazzi;
  • 3 Day Pass 29-30-31 luglio € 95 adulti e € 55 ragazzi;
  • 2 Day Pass 30 e 31 luglio, € 70 adulti e € 40 ragazzi;
  • Single Day € 35 adulti e € 25 ragazzi.
  • Spettacoli alla Cisternazza € 5, ridotto € 3.

Prevendite su https://dice.fm/ 

error:
Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: Alkantara Fest, il villaggio della musica folk! Questo è il link: https://www.etnalife.it/alkantara-tribes-il-gala-della-world-music-di-alkantara-fest-2-2/