Le “contaminazioni mediterranee” de La Bella Noeva al TIMF 2022

Brani popolari, siciliani e campani, canzoni di derivazione colta e d’autore per il gruppo composto da Tanino Di Mauro, Bruna D’Amico, Anna Spoto, Eva Scornavacche e Fulvio Farkas, ospiti al Trecastagni International Music Festival, diretto dal M° Carmelo Pappalardo

I suoni di Napoli attraversano il mare per approdare in Sicilia e in una commistione di lingue, ritmi e sonorità diventano un flusso unico che questa sera, 27 luglio alle ore 21.00 nel panoramico cortile della Chiesa Madre di San Nicola, in via Arciprete Domenico Torrisi, n°1, diventano il centro focale del Trecastagni International Music Festival. È la musica del Mediterraneo, da sempre crocevia di varie civiltà, il luogo eletto per mettere insieme culture e stili diversi. «Abbiamo attinto proprio a questa ricchezza di forme e musiche delle varie epoche, per la nostra proposta – spiega Bruna D’Amico – che spazia da brani popolari a canzoni di derivazione colta e d’autore, anche recenti». Nato nel 2021 l’ensemble La Bella Noeva, che prende il nome da un brano ligure e significa letteralmente la buona notizia, è composto da cinque elementi: il cantante Tanino Di Mauro, Bruna D’Amico chitarra e voce, la flautista Anna Spoto, la violoncellista Eva Scornavacche e il percussionista Fulvio Farkas; protagonisti del terzo appuntamento in rassegna. «Dal momento che il quintetto è nato durante la pandemia – sottolinea ancora D’Amico – abbiamo deciso di scegliere un nome ben augurale che potesse in qualche modo contrastare con quello che ci circondava. Noi proveniamo tutti da formazioni diverse in cui si prediligono generi come la polifonia rinascimentale o la musica barocca, ma in questo caso il nostro repertorio spazia dalla musica colta, come la canzonetta del XVII secolo di Giovanni Stefani, per arrivare al cantautorato più moderno di Alfio Antico ed Enzo Gragnaniello, passando per la musica popolare. Certo alcuni brani sono più noti, come quelli scritti dal musicologo, compositore e direttore d’orchestra napoletano Roberto De Simone, autore negli anni ’70 de “La gatta Cenerentola”, altri un po’ meno, anche se tendiamo sempre a scegliere opere melodiche ricercate che si fanno gustare senza essere banali». Ognuno dei componenti ha alle spalle una carriera pluriennale e si esibisce e collabora con altre formazioni, sia classiche che etniche e popolari; e questo sostrato è ciò che contraddistingue questo concerto, che nella prima parte si aprirà con brani quali: “Lu passariello”, “Canzone delle sei sorelle”, “Marinaresca”, “Stu criatu”, “Tres sirenas” e “La bella noeva”. Mentre la seconda parte vedrà capolavori unici come “Amante felice”, “Brigante se more”, “Amuri ca di notti vai cantannu”, “Vurria addeventare”, “Silenziu d’amuri” per chiudere con “Tarantella prima, siconna e terza”. Un’esplosione di energia e sentimento, espressione di quelle radici profonde che custodiamo dentro il nostro cuore e dalle quali traiamo sempre nuova linfa. 

Biglietti: Ingresso unico euro 10,00. Abbonamento (su appuntamento) intero euro 75,00- ridotto (under 30) euro 60,00.

Per info e prenotazioni: 349 1046397 – namaect@gmail.com

error:
Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: Le “contaminazioni mediterranee” de La Bella Noeva al TIMF 2022! Questo è il link: https://www.etnalife.it/le-contaminazioni-mediterranee-de-la-bella-noeva-al-timf-2022/