Etna: comunicato di attività vulcanica del 16 Giugno 2021

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica

Ore 18:31

Alle ore 17.20 si registra la ripresa dell’attività stromboliana al Cratere di Sud Est. L’attività effusiva prodotta dai due trabocchi è finita e i fronti lavici sono in raffreddamento.

Per quanto riguarda l’ampiezza media del tremore vulcanico, dalle 16:45 alle 18:03 circa è stato registrato un nuovo incremento che ha portato i valori nel livello alto con un massimo alle ore 17:30 UTC. Contestualmente si è osservato un incremento dell’attività infrasonica caratterizzato dall’accadimento di un elevato numero di eventi infrasonici con ampiezze elevate. Successivamente si è rilevato un ritorno dell’ampiezza del tremore nel livello medio. Le sorgenti del tremore e dell’attività infrasonica sono localizzate al cratere di Sud Est. I segnali delle reti di deformazione (tilt e GNSS) dell’Etna non hanno evidenziato variazioni significative.

Ore 15:20

Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza si osserva che la fontana di lava dal Cratere di Sud-Est, riportata nel comunicato precedente è cessata alle 14:50.

Relativamente al trabocco lavico si osserva che quello diretto a sud-ovest continua ad essere alimentato inoltre è presente un secondo flusso lavico prodotto da un secondo trabocco del Cratere di Sud Est che si propaga in direzione della Valle del Bove. Per quanto riguarda l’ampiezza media del tremore vulcanico, dopo aver raggiunto il valore massimo alle ore 14:20, ha subito una rapida diminuzione riportandosi nel livello medio. Attualmente tale parametro mostra una tendenza ad un ulteriore decremento. Il centroide delle sorgenti del tremore vulcanico rimane localizzato nell’area del Cratere di Sud Est ad una elevazione di circa 2800 m sopra il livello del mare. Anche l’attività infrasonica ha subito un rapido decremento: si segnala l’accadimento di alcuni eventi localizzati nell’area del cratere di Sud Est, con valori di ampiezza medio-alti. Le stazioni della rete clinometrica hanno registrato modeste variazioni in corrispondenza dell’attività di fontana di lava che si concludono intorno le 14:45. Non si osservano variazioni significative nei dati GNSS.

Ore 14:08

L’attività stromboliana è passata a fontana di lava. Inoltre si osserva un trabocco lavico dal fianco meridionale del Cratere di Sud-Est che si propaga in direzione sud-ovest. L’ampiezza media del tremore vulcanico e l’attività infrasonica hanno raggiunto valori molto elevati. Le sorgenti del tremore e degli eventi infrasonici sono localizzate al Cratere di Sud Est. Le stazioni sommitali della rete clinometrica registrano modeste variazioni dei segnali.

Ore 13:45

Dalle ore 13:32 circa, si osserva un repentino incremento dell’attività stromboliana al Cratere di Sud-Est, che produce continua emissione di cenere che si disperde in area sommitale.

I prodotti dell’attività stromboliana superano l’orlo craterico ricadendo lungo i versanti del cratere. L’ampiezza media del tremore vulcanico ha mostrato un repentino incremento dalle 12:50 portandosi su valori alti dove tuttora permane. Le localizzazioni del centroide delle sorgenti sono nell’area del Cratere di Sud Est ad una quota di 2900 m sopra il livello del mare. L’attività infrasonica è in incremento ed è localizzata al Cratere di Sud Est

Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: Etna: comunicato di attività vulcanica del 16 Giugno 2021! Questo è il link: https://www.etnalife.it/etna-comunicato-di-attivita-vulcanica-del-16-giugno-2021/