STORIE
DELL'ALTRO MONDO
Vai alla lettura Di Sergio Mangiameli foto ©Roberta Scicali

Come sempre

Ciro taglia i capelli a un euro al minuto. Non c’è tempo superiore ai cinque minuti per tutti, e così nessuno fa la fila, nel suo salone d’epoca, con il lambrì ai muri e il divano foderato in finta pelle. Le poltrone si specchiano nell’eternità immobile, un fermo immagine che è iniziato cinquant’anni fa.

Fuori, il basolato del centro storico è ancora più vecchio: le mura dei palazzi nobiliari fanno da cornice solenne ai crateri distanti, scuri, che s’arrampicano a gara scomposta nell’azzurro, lasciando al vento continue tracce gassose bianche, testimoni effimeri di questo pensiero chiaro di verticale avanzata.

Ciro mantiene sé stesso come il suo salone da barba: efficiente. Ha l’eleganza silenziosa dei signori, che non calpestano mai i limiti. E uno sguardo pratico, di chi ha fatto barba e capelli al mondo, e l’ha compreso. E proprio per questa ragione, come i migliori osservatori elusivi, lui non compare al fisco predatore. Non c’è, ma esiste. Non rilascia scontrini, ma sorrisi definiti e strette di mano.

Ora, in questo tempo sospeso per tutti, dove si fanno i conti nella propria lista dei valori, Ciro ha chiuso. Come se prima, invece, fosse stato.

Non gliel’ha detto nessuno, imposto nessun ordine, perché lui non compare. Eppure l’ha sentito, di esser uomo tra gli uomini. Come sempre. Mentre la montagna, in fondo alla strada, sembra approvare la stessa voglia di avanzata verticale di Ciro, che stavolta, però, non misura il tempo e aspetta.

Sergio Mangiameli
Sergio Mangiameli è del ’64, geologo, giornalista pubblicista, interprete naturalistico, vive sull’Etna. Ha pubblicato i racconti “Dall’ulivo alla luna” (Prova d’Autore, 1996) e “Rua di Mezzo sessantasei” (Il Filo, 2008), i romanzi “Aspettando la prima neve” (Rune, 2009), “Dietro a una piuma bianca” (Puntoacapo, 2010), “Sul bordo” (Puntoacapo, 2013), “Come la terra” (Villaggio Maori, 2015, che ha partecipato a MontagnaLibri 2016 del Trento Film Festival). Ha scritto i testi di “MicroNaturArt – voci dal microcosmo” (Arianna, 2014), esperimento letterario di fotografia scientifica; i racconti di “Ventiquattr’ore – fotografie di finestre e parole intorno” (Puntoacapo, 2016), i cui scatti sono di Lino Cirrincione; e, assieme al vulcanologo Salvo Caffo, “Etna patrimonio dell’umanità, manuale raccontato di vulcanologia e itinerari” (Giuseppe Maimone Editore, 2016), con le illustrazioni di Riccardo La Spina. Ha scritto i testi dei film corti “La corsa mia” e “Idda”, e i monologhi “Questa storia” e “Il gioco infinito”, visibili entrambi su YouTube. Sul portale web Etnalife, scrive racconti etnei per la rubrica letteraria “Storie dell’altro mondo”. “La piuma bianca” è il suo blog sul magazine online SicilyMag. L’esperimento nuovo è “Le colate raccontate” – vulcanologia storica dell’Etna e narrativa surreale insieme, tra esattezza scientifica e finzione letteraria in racconti –, portato in scena col vulcanologo Stefano Branca e il giornalista Gaetano Perricone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi con un amico
Questo articolo potrebbe interessarti: Come sempre! Questo è il link: https://www.etnalife.it/come-sempre/